Creare una macchina virtuale con VirtualBox su un server linux “headless”

пиццана черном тесте Quando si installa un server linux e lo si usa soltanto per pochi e semplici servizi di rete può essere conveniente non installare l’interfaccia grafica. Se poi viene utilizzato soltanto un client SSH per amministrarlo, allora potrebbe risultare comodo creare e gestire le macchine virtuali senza l’intervento della GUI. способы решения экологических проблем в сельской местности Una volta installato VirtualBox, tramite il comando VBoxManage è possibile gestire le fasi di creazione, modifica e gestione delle macchine virtuali. http://aidbook.eu/tech/yamaha-fzh-750-tehnicheskie-harakteristiki.html ямаха фзх 750 технические характеристики Iniziamo a creare una macchina: http://harmonisalon.org/delo/setevie-modeli-grafiki-proekta.html сетевые модели графики проекта VBoxManage createvm --name "SampleServer" --ostype Ubuntu_64 --register il comando crea una macchina virtuale assegnando l’identificativo SampleServer, indica che verrà installato un sistema operativo Ubuntu a 64 bit e la registra nel catalogo (operazione che è possibile fare in seguito con il comando VBoxManage registervm)
Per conoscere tutti i tipi di sistema operativo che si possono installare è disponibile il comando:
VBoxManage list ostypes
In seguito possiamo indicare i parametri hardware:
VBoxManage modifyvm "SampleServer" --memory 1024 --acpi on --boot1 dvd --nic1 bridged --bridgeadapter1 eth0
dove ovviamente memory indica la quantità di RAM da assegnare alla macchina, acpi permette di attivare le funzionalità di accensione e spegnimento, il parametro boot1 indica il primo dispositivo di avvio (che può essere dvd per far partire l’installazione ma poi va modificato in disk). Per quanto riguarda la rete, è possibile configurare una o più schede di rete in modalità nat, bridged o hostonly. Nel caso di una interfaccia bridged è necessario indicare anche su quale interfaccia fisica va associata.
Il terzo passo è quello di creare un hard disk:
VBoxManage createhd --filename "SampleServerDisk.vdi" --size 10000
Dove ovviamente la dimensione è indicata in MegaBytes.
In seguito è necessario creare un controller IDE ed associare al controller le periferiche:
VBoxManage storagectl "SampleServer" --name "IDE Controller" --add ide --controller PIIX4
le due direttive che seguono collegano al controller “IDE Controller” l’hard disk ed una immagine ISO che useremo per l’installazione:
VBoxManage storageattach "SampleServer" --storagectl "IDE Controller" --port 0 --device 0 --type hdd --medium "SampleServerDisk.vdi"
VBoxManage storageattach "SampleServer" --storagectl "IDE Controller" --port 0 --device 1 --type dvddrive --medium /percorso/disco.iso
A questo punto il sistema è pronto. La macchina può essere avviata tramite il comando VBoxManage startvm “SampleServer” oppure è possibile avviarla con il comando VBoxHeadless che permette di connettersi con un client RDP (Desktop remoto) e controllare a video la macchina.
VBoxHeadless --startvm "SampleServer"
A questo punto potete collegarvi all’IP del server fisico alla porta 3389 per eseguire l’installazione della macchina virtuale.
Enjoy it!

образец библиографической записи закона в списке литературе